Viaggio nel minimalismo 2

Dopo aver dato via un po’ di vestiti e scarpe ho ancora molti vestiti e scarpe. Ho buttato via anche un po’ di cose vecchie. Il percorso che porta al minimalismo è lungo e forse non sono ancora pronta. Potrei ancora mettere via molte cose: libri di scuola (che avrei dovuto vendere!), manga che non continuerò a leggere, donare alla biblioteca pubblica libri che ho letto e non mi hanno particolarmente colpito (ma forse potranno piacere a qualcun altro). Ci sono tanti oggetti di cui non si sente la mancanza dopo averli buttati, ma tanti altri che dispiace a buttare quasi fossero dotati di un’anima. Certamente alcuni, come degli occhialetti da sole che portavo da piccola, nel lungo periodo potrebbero rappresentare ricordi o comunque avere un valore storico. Buttarli via sarebbe un peccato. Cosa fare? Per ora, il minimalismo si fermerà qui.

Viaggio nel minimalismo – 1

Il minimalismo è una corrente di pensiero che ambisce a togliere dalla vita l’inessenziale per lasciare spazio solo a ciò che da’ valore all’esistenza. Molti pensano che si tratti di vivere come un monaco o di stare in una casa senza mobili (e in alcuni casi è così). Ma in realtà il minimalismo è una delle tante risposte al mondo del consumismo. Laddove il consumismo ti propone cose inutili che ti fanno sprecare tempo, denaro e non arricchiscono la tua vita, il minimalismo invece cerca proprio questo: di conservare il tuo denaro, conservare il tuo tempo per dedicarti alle cose e alle persone che ami, infine arricchire la propria vita riducendo ciò che non è necessario.

Marie Kondo è una nota “guru” del settore. Ci sono poi tantissimi canali YouTube, scrittori e autori, orientali e occidentali, che ti parlano di come puoi vivere una vita minimalista.
Che ricordiamo, non è vivere da straccioni ma liberarci della schiavitù che ci lega agli oggetti inutili. Lasciare solo l’utile, questo è il minimalismo, ma non solo.

Non è solo tenere in ordine, è una filosofia. Mia nonna mi ha sempre detto di tenere in ordine, perché quando le stanze e le cose sono pulite e ordinate, si sta meglio e si ragiona meglio. Ebbene la mia stanza raramente è stata pulita e ordinata, e come la mia stanza la mia vita spesso è stata “in disordine”: priorità confuse e permanentemente soggette al cambiamento, ma di fatto, senza produrre grossi risultati. Sempre distratta e/o annoiata. E la mia camera? Piena di cose e di polvere. In realtà, vedendo le case altrui, ho sempre pensato che la mia fosse nella media, ma lascia comunque a desiderare.

Tempo fa ho messo in atto il primo passo del minimalismo, ossia tagliare via ciò che non è necessario. Ho tolto molte cose, eppure la mia stanza è ancora piena di oggetti che potrei togliere. Un altro consiglio era quella di tenere tutto sempre ordinato, riponendo gli oggetti usati. Ebbene, tenere ordinato intorno a sè serve a tenere ordinato nella propria testa. Non è durato molto. La mia scrivania è di nuovo una spasa di oggetti.

Voglio riprovare ad abbracciare il minimalismo. Questa volta documentando, articolo per articolo, ciò che andrò a fare e i progressi compiuti.

Storia della civiltà perduta della diga

C’era una volta un fiume, un fiume turbolento e impetuoso che scorreva trascinando con sé a valle i sassi del monte, i tronchi e i cadaveri degli affogati.

Il popolo che viveva sulle sue sponde decise di sfruttare la sua forza e di fare una grande diga nella valle, inondandola.

Gli uomini iniziarono a lavorare alla diga, ma il fiume era immenso, e costruirla sarebbe stato un processo lungo e faticoso, che avrebbe richiesto anni.

Non una ma ben due generazioni vi lavorarono, e quando fu finita gli uomini osannarono quell’opera, fieri di sè stessi e della propria epica impresa, destinata a tramandarsi per generazioni.

Con il tempo, le gesta si trasformarono in leggenda e l’opera si trasformò in miracolo, e i suoi benefici, dono divino.
Gli uomini perciò divennero adoratori della diga, e gelosi della sua custodia.

Ma per adorare la diga, non amarono le proprie donne. Le proprie donne non erano adorate come la diga.

Esse erano come cose, mentre la diga era come una persona. Le donne odiarono la diga e decisero di vendicarsi. Giunsero alla conclusione che non c’era soluzione a quella folle idolatria, se non una: distruggere la diga.

In una notte, le donne si armarono di picconi e lavorarono per distruggerla. Ci riuscirono, ma tutte finirono trascinate via dalla violenza del fiume.

Gli uomini, visto il disastro, piansero. Ma non si accorsero che le donne erano scomparse, se non un giorno dopo il disastro. Allora capirono, e piansero ancora.

Di quella civiltà oggi non c’è più nulla: nè i figli, nè la diga.

Nuove metanarrazioni

Si dice che oggi, nella post-modernità, non ci siano più meta narrazioni, ossia, non c’è più una storia che guidi la storia. Il cielo di carta è stato bucato, come direbbe Pirandello, e come direi io, siamo usciti da Matrix. Mai come in questa epoca ognuno di noi è libero di raccontarsi la propria storia e di crederci. Non tutti però riescono a sopportare questo mondo che ora come ora sembra essere senza senso.

Chi è cristiano oggi non può ignorare le verità scientifiche, a meno che di non sembrare folle o sciocco o bigotto. Chi credeva nel comunismo forse continua a crederci, ma sembra abbagliato da un’ideologia che è estranea alla maggior parte delle persone e che ha avuto attuazione in modi diversi da quelli prefigurati, in luoghi inaspettati e sta avendo un seguito ancor più strano. In cosa si deve credere oggi? Nel progresso già all’epoca del romanticismo erano sorti i primi dubbi. Figuriamoci oggi dove ci rendiamo conto di essere spiati ogni giorno e tuttavia continuiamo a rimanere passivi e disinteressati.

Ci sono individui che stanno cercando fuga da questa realtà raccontandosi nuove storie. C’è chi ritorna ad esaltare un passato fatto di patria e religione, chi si chiude a riccio nella propria fede, più per disperazione che per altro, altri che cercano nelle guerre sante delle ragioni di vita e di riscatto. Altri si raccontano dei rettiliani e della terra piatta. ….. Queste sono delle nuove (pallide) meta narrazioni, in cui piccoli gruppi si chiudono per far fronte ad un oceano aperto in cui non c’è nulla, in cui non c’è senso all’esistenza in cui il proprio ego svanisce nell’immensità e la propria esistenza diventa irrilevante.

Possono esserci delle nuove meta narrazioni? Secondo me, si.

La corsa allo spazio!
L’umanità è destinata a regnare sui cieli e su altri mondi. C’è altra vita nell’universo, sotto forma di batteri e microorganismi, o al massimo di flora. Ma fauna intelligente come noi? Fino ad oggi non abbiamo avuto prove che ci testimoniassero l’esistenza degli alieni, rendendoci di fatto l’unica specie intelligente nell’universo (per ora). Riflettendoci, noi siamo soli. Siamo come un uomo solo su un pianetino che dialoga con sè stesso, fa la guerra con sè stesso e impazzisce. E nessuno che è mai venuto a dirci che non siamo soli. La corsa allo spazio, come su Star Trek, è un modo per rispondere al quesito sulla nostra solitudine e per capire in che era siamo, ovvero, se noi apparteniamo all’era della fine, cioè che siamo stati creati da altre civiltà che ora non ci sono più, oppure se apparteniamo all’era dell’inizio, ossia se siamo noi la civiltà che, ponendosi grandi domande esistenziali, abbia poi creato altre civiltà a propria immagine e somiglianza, non trovandone altre. Se veramente fossimo soli, verrebbe quasi da dar retta alla Bibbia e all’idea che Dio abbia fatto il mondo per noi. Viceversa, se non fossimo soli, confermerebbe la relatività della nostra presenza nell’universo. Ma prima di avere una risposta del genere… ne dovrà passare di tempo!

L’umanità che si salva da sola. Cioè, in una nuova forma di fede nella scienza, si avvera quella che Comte aveva chiamato “religione dell’umanità”, in cui l’Uomo è al centro dell’adorazione. Nessuno di noi sarà in pace finchè il male, incarnato nella povertà, nell’inquinamento, nell’ignoranza, non finirà. Non sarebbe una brutta religione, ma per fare di noi stessi oggetto di adorazione occorre una gran saggezza. Sarebbe il segno che l’umanità è passata ad uno stadio successivo della propria evoluzione culturale, ovvero, riconosciamo che la nostra grandezza e il nostro benessere sono dovuti a noi stessi e ai nostri sforzi fisici e intellettuali, ma allo stesso tempo non siamo arroganti di questa consapevolezza. Le religioni tradizionali giustamente temono questa religione perché facilmente l’adorazione dell’Uomo diventa egomania, e dunque non sviluppo della razza intera ma forme di esaltazione egoistica e controproducente. In ogni caso, credere che il nostro dovere è quello di rendere la vita migliore a tutti è una bella storia.

Inventarsi la propria storia. Io l’ho fatto, in qualche modo funziona. Oggi siamo liberi di crearci la propria narrazione, e possiamo farlo per orientarci. Un processo in cui siamo consapevoli di crearci cultura, e allo stesso tempo crediamo a ciò che ci stiamo raccontando, in buona fede che ciò che abbiamo creato ci guiderà per il meglio e ci darà la abbisognata pace per sopravvivere e restare al mondo.

Non pensarci affatto. Tanti fanno così, seguono le cose di ogni giorno senza pensare. Godersi la vita un pezzetto alla volta, fare della propria vita una bella storia, anche senza necessità di guidarsi, pur consapevoli di come è il mondo. C’è qui un fregarsene consapevole, saggio, e anche un fregarsene stolto, chiamato anche “beata ignoranza”.