Archivi tag: filosofia

L’Infinito

L’infinito è un desiderio, è come un canto di sirena. La propria coscienza nasce il giorno in cui col pensiero sfioriamo l’infinito, e ci accorgiamo di quanto siamo insignificanti, nel tempo, e nello spazio. La nostra coscienza vola e vola e prova ad abbracciare l’immensità, ma non ci riesce.

L’universo è talmente immenso da far venire la vertigine. È terribile pensarlo. Eppure, di tutti gli animali, solo noi sentiamo l’Infinito. A chi ci dice che siamo bestie, io dico che siamo delle bestie divine, e beato chi, pur sentendo la vertigine dell’Infinito e l’orrore della Morte, li può sentire e capire la nostra grandezza.

Il nostro cervello sembra una scatola fatta per farci soffrire, con tantissimi nervi e neuroni per provare il dolore più raffinato. La nostra esistenza sembra dunque una condanna e un po’ lo è. Ma allora perchè questa condanna è cosí affascinante?

Perchè è cosí bello ammirare il Creato? Perdere il proprio sguardo fra le nuvole, sempre le stesse ma mai uguali… perdere per un attimo il pensiero fra i prati verdi illuminati dal sole e scordarsi che nel mondo c’è il dolore. Volare e volare con l’anima sopra il mondo e vedere un punto azzurro e luminoso… nello spazio non si sente il dolore del mondo, nello spazio solo c’è purezza e un silenzio cosmico. Quel silenzio lo si può sentire occasionalmente quando, giunti sulla cima di un monte altissimo, non si sente più nemmeno il cinguettare degli uccelli, nè il proprio respiro, ed è bellissimo.

Non c’è nulla che ci possa separare da Dio se noi lo vogliamo raggiungere. Ed è bellissimo. Penso che non vorrei vivere in un mondo dove io non sappia nulla di Dio. Nemmeno un esercito di miliardi di atei potrà togliere il dubbio, o il desiderio. Finchè ci sarà ricerca, per quanto disperata che sia, ci sarà vita.

(´,,•ω•,,) owo

Viaggio nel minimalismo – 1

Il minimalismo è una corrente di pensiero che ambisce a togliere dalla vita l’inessenziale per lasciare spazio solo a ciò che da’ valore all’esistenza. Molti pensano che si tratti di vivere come un monaco o di stare in una casa senza mobili (e in alcuni casi è così). Ma in realtà il minimalismo è una delle tante risposte al mondo del consumismo. Laddove il consumismo ti propone cose inutili che ti fanno sprecare tempo, denaro e non arricchiscono la tua vita, il minimalismo invece cerca proprio questo: di conservare il tuo denaro, conservare il tuo tempo per dedicarti alle cose e alle persone che ami, infine arricchire la propria vita riducendo ciò che non è necessario.

Marie Kondo è una nota “guru” del settore. Ci sono poi tantissimi canali YouTube, scrittori e autori, orientali e occidentali, che ti parlano di come puoi vivere una vita minimalista.
Che ricordiamo, non è vivere da straccioni ma liberarci della schiavitù che ci lega agli oggetti inutili. Lasciare solo l’utile, questo è il minimalismo, ma non solo.

Non è solo tenere in ordine, è una filosofia. Mia nonna mi ha sempre detto di tenere in ordine, perché quando le stanze e le cose sono pulite e ordinate, si sta meglio e si ragiona meglio. Ebbene la mia stanza raramente è stata pulita e ordinata, e come la mia stanza la mia vita spesso è stata “in disordine”: priorità confuse e permanentemente soggette al cambiamento, ma di fatto, senza produrre grossi risultati. Sempre distratta e/o annoiata. E la mia camera? Piena di cose e di polvere. In realtà, vedendo le case altrui, ho sempre pensato che la mia fosse nella media, ma lascia comunque a desiderare.

Tempo fa ho messo in atto il primo passo del minimalismo, ossia tagliare via ciò che non è necessario. Ho tolto molte cose, eppure la mia stanza è ancora piena di oggetti che potrei togliere. Un altro consiglio era quella di tenere tutto sempre ordinato, riponendo gli oggetti usati. Ebbene, tenere ordinato intorno a sè serve a tenere ordinato nella propria testa. Non è durato molto. La mia scrivania è di nuovo una spasa di oggetti.

Voglio riprovare ad abbracciare il minimalismo. Questa volta documentando, articolo per articolo, ciò che andrò a fare e i progressi compiuti.